giovedì 25 luglio 2013

TOKYO FACT N°15 - IL RIENTRO!!!!

.. PREMETTO... sarà un pò lunghetto (ho fatto la rima!!! ok vado avanti...)
----------------------------------
Eh già..  ci alziamo la mattina.. controvoglia

                                           

valige già fatte la sera prima, per fortuna… con il nostro nuovo mega zaino alla moda di Minami-senju (il quartiere dei vecchietti dove avevamo l’hotel =) ) che ci può benissimo star dentro un cadavere u.u ci dirigiamo verso la Hall…  e ci organizziamo per prendere i Taxi perché la metro a quell'ora era zeppa… le prime a partire per andare a Ueno (il treno per l’aeroporto parte da lì) eravamo io e la Ma.. e anche lì..andiamo giù... e cerchiamo un tassista ... ne becchiamo uno.. 



.. che si mette a fare l'inversione a U... il tassista non voleva essere aiutato e ha dovuto caricare le nostre due valigie pesantissime per il suo fisico.. da solo!!!.. vedevi la vena del collo ingrossarsi pian piano!!! ma vabbè… dopo un pò si parte…



 zero parole.. quindi mi sono persa nei ricordi e mi mettevo a ridere da sola… ed ora vi rendo partecipi…

Ho ripensato a quando nella Hall dell’hotel io, la Ma e Manuel ci siamo messi a ballare il balletto per i bambini che per noi faceva “Ana patata… mina oh! mina Oh! mina oh!” .. ed ho ancora adesso in mente il balletto e la canzoncina =) ha ha…



 a quando la mattina ci guardavamo quell’anime del gattaccio maledetto che una volta tornata in Italia ho scoperto come si chiamava (finalmente)! … a quando il ragazzo della hall, che parlava un inglese perfetto, vedendo T.O.P nel pc mi ha chiesto se era il mio ragazzo.. seeeeee magari… a quando ci ascoltavamo il k-pop in camera la sera… a quando ci mettevamo lo yukata per andare a fare la doccia… alla prima lavatrice che ho fatto in vita mia… alle miriadi di sacchetti e buste che ci sono in una borsa per impacchettare una cosa… al nastro per chiudere le borse di plastica che qui non esiste u.u… a quando Paolo ha sterilizzato con la chiave dell’Hotel.. (una cosa rettangolare lunga 20cm che pesava 3 quintali) Puruto, il pupazzo della Ma che si attaccava alla gamba di Manuel u.u… al Tokyu Hands (ennesimo negozio a 3500 piani) che a lato degli scalini segnavano le Kcla che stavi perdendo… a Maseeeeeeeeeeee … a nipporiiiiiiii… ai giappi che quando camminano sono molleggiati (e tornate in Italia sembravamo delle mongoloidi perché camminavamo ancora da molleggiate!)… a tutti i cristi che vedevamo ogni giorno.. alla metro… a quelli che spacciavano i fazzoletti per strada .. che ho ancora u.u … ai reggi cartelli… ai sexy shop… alle avventure di ogni giorno…  alla scena che abbiamo visto e alla coordinazione che hanno i funzionari della metro nei confronti di chi è disabile… al CONBINI (Seven Eleven)!!!! O come lo chiamo io “il  come si chiama aperto 24h su 24 u,u” e penso che si chiamerà sempre così u.u… ai vecchietti di Minami-senju che ci volevano fregare il bento e che ci facevano paura… alle chiamate su Skype con mia mamma e mio papà alle una o due di notte per trovare l'ora decente per loro… alla tavoletta riscaldata del wc e al suo spruzzo… a tutto il buon cibo che ho mangiato… al DAISO… alla carta igienica piegata a triangolo come Kid…



 al cartello nel palazzo del governo che diceva che L lì non ci poteva andare… a quando ad Akihabara abbiamo attraversato senza andare sulle strisce, il vigile ci ha urlato dietro e per noi aveva detto GAIJIN DI MERDA!! … a noi che in Italia non avremmo più potuto dire PUTTANAAAAA!!! (lunga storia) … a noi che non avremmo più potuto dire tutto quello che ci pareva ad alta voce u.u …ai mega negozi k-pop che ti risucchiavano… alla tower records.. a tutti i bei templi visti…alla Ma che sclerava appena sentiva Ayumi e alla musica che qua te la senti solo su you tube, mica nei negozi o per strada… ai fantastici disney store… alle ragazze bellissime che senza trucco fanno cagare… ai ragazzi che con la mascherina sono dei cristi pazzeschi… allo Yoshinoya…a noi che ci fiondiamo nei negozi di trucchi e proviamo tutto il provabile… al mascara preso al Daiso che va meglio di qualsiasi altro mascara e che abbiamo pagato solo un euro.. agli eyeliner fotonici… alle amicizie e ai nostri compagni di viaggio… alle nostre cene nella saletta Yakuza =).. alla pepsi che fa dimagrire, che se la lasci aperta 2 secondi in più di sgasa subito…

 il tè che crea dipendenza e che mi sono portata in Italia come i Pocky… alla fanta grape (che ho trovato qui al tosano!!! ti amo!!!) e melon… alle strisce pedonali di Tokyo fatte a x che quando c’è verde si parte in massa… ai mega schermi e agli edifici altissimi… alla foto fatta in mezzo all’incrocio di Shibuya (Da bravi Gaijin >.<)… alle bacchette, che quando siamo tornate in Italia c’è voluto un giorno per ri-abituarci alla forchetta… alle cassiere/i educatissime/i… a quando la prima sera Manuel non aveva capito che doveva mettere i soldi nell'apposito spazio e alla tipa dopo sono caduti e si è scusata come se ci avesse ucciso il gatto… alle divise e alle coppiette di studenti… agli spintoni che là non esistono… e molte altre cose (anche perché se continuo si fa notte u.u) .. ma soprattutto a noi.. che dopo questo viaggio siamo messe peggio di prima u.u … e al Giappone.. che si è rivelato molto più di quello che io abbia mai sognato e sperato… e a me… che purtroppo non potrò mai essere giapponese perché la cittadinanza con il piffero che te la danno… e a me ancora… che sebbene abbia 19 anni il mio sogno principale è sempre lo stesso di quando ne avevo 6 =)

Bè… insomma… e tutto questo in neanche mezz’ora di taxi.. la mente umana fa paura…mi sono rivista in un flash tutti i giorni =).. arriviamo tutti a Ueno, ci mette giù, gli diamo i soldi, se ne va e.... 
                                                       DOVE SIAMO?!?!!?!?
ci aveva messo giù in una porta che non avevamo mai visto.. siamo entrate e ci siamo messe a girare... per fortuna dopo un pò abbiamo trovato gli altri...



ed è l’ora di salutare Paolo che per un’altra settimana sarebbe stato nelle zone di Nagoya e Kyoto per studiare una nuova espansione per i prossimi tour =)… saluto naturalmente con Maseeeeeeeeee =)=) quell’uomo è un grande =)=) cmq prendiamo il treno che dopo un’ora ci avrebbe portato direttamente in aeroporto… in metro non poteva mancare il mio passatempo preferito.. osservare i giappi… un paio di cristi!!!!!  … ed ecco che i 5 gaijin con le loro valigiotte approdano al Narita Airport… prima di imbarcarmi mi sono girata… e mi sono ricordata di quando siamo scese e io mi sono messa a spogliarmi perchè venivo da mosca con il giubbino e 3000 maglioni… e sono uscita in maniche corte mentre tutti i giappa ci guardavano come per dire “nooooo altri gaijin!!!Noooo per carità!!!” … mi sono girata e il cartello in alto diceva “Welcome to Japan” e mi sono ripromessa di rivedere un giorno quella scritta =)=) (e la rivedrò forse a marzo!!!)

                                  
 ma la depressione e gli occhioni lucidi non sono mancati
                         
                                                              

                     
                                                       ho reso abbastanza???

Il volo da Narita a Mosca è stato incredibilmente piacevole perché oltre ad essermi vista altri 3 film ed essermi fatta anche una bella dormita (mi sa che era per la tensione che non ero riuscita a dormire u.u) c’era un bel ragazzo che io, Tessa e la Ma abbiamo subito notato.. che andava a Roma… e quindi avrebbe preso il volo con Manuel perché noi avremmo preso quello per Milano…. E il fatto è che sto Giapponese… parlava in romanaccio!!!… aveva una bella maglietta scollata tipo Tronky in You’re bea… bè in tutti i suoi drama principalmente u.u… bianca… (sia io che la Ma i dettagli ce li ricordiamo benissimo XD)



 ed ecco… il volo è stato fantastico insomma.. ho scarabocchiato un po’ nel mio blocco dopo essermi guardata l’artbook di Pandora Hearts e dopo mi sono messa al collo quello di Rilla .. mi sono coperta con la copertina in pile e sono partita =)=)

Dopo essere scese ed aver salutato Manuel che doveva scappare per prendere il suo volo .. ed aver dato un’ultima occhiata al giappo … Ah!! Volete ridere… mi hanno fatto aprire il bagaglio a mano e il cd di GD one of a kind… secondo noi era un fan .. e alla Ma che era prima di me e che aveva pure lei .. niente!! Bah!!…. Cmq siamo andate verso la nostra zona e dopo un po’ abbiamo preso l’aereo per tornare nella nostra tanto… “amata” Italia… l’aria italiana si sentiva già sull’aereo con un vecchio idiota che non voleva spegnere il dannato telefono!! Gli schermi non andavano e non ho mangiato niente perché faceva tutto schifo!! .. unica cosa bella … ero vicino all’ala u.u finestrino Powah!! Ma purtroppo quando ho tirato su l’affare ad aspettarmi non c’era il caldo sole del Giappone come l’andata… bensì il buio totale… erano tipo le 7 di sera mi pare u.u arriviamo al terminal verso le 21 e qualcosa… altra differenza colossale… quando  davi il passaporto non ti chiedevano come stai, non ti sorridevano.. e per le valige non c’era quello che te la prendeva e che si scusava per aver fatto arrivare le valigie come noi e non prima O.o…. se allààà.. e un’altra cosa .. volevamo prendere il dannato carrellino.. in Giappone e a Mosca era gratis .. ma qui costa ben 2 euro.. (non so.. sai che io ci mangio in Giappone con 2 euro!!!) … prese le proprie valige ci siamo avviate all’uscita e fuori c’erano i miei e i suoi della Ma ad aspettarci… scena tipo “non ci vediamo da tre anni”



 .. io corro incontro ai miei e li abbraccio la Ma non lo so perché sinceramente vedevo solo i mei u.u … soliti saluti con Tessa e Filippo… Maseeeeeeee e dopo un po’ in macchina ci chiedono com’è andata… ha! Simpatici… iniziamo a sbatolare.. 



ed avevamo fame perché ne io ne lei non avevamo ne pranzato ne cenato perché l’aereo si sa non è sempre sta gran roba (in fatto di cibo all’andata era meglio… ma vabbè u.u) e allora da Milano siamo andati a S.Martino B.A. per mangiarci una bella pizza .. come sempre uguale.. come sempre crudo patate e philadelfia =)… momento delle forchette



…. Ci guardiamo come per dire @,@ come si usano?... abbiamo fatto una fatica indegna.. sembravamo delle mongoloidi… e anche lì blablalbalbalbalbalbalalalalbalbalbalbalbla sul viaggio… anche il cameriere ormai non ne poteva più… ma ci chiedevano e noi rispondevamo.. e ancora adesso io dico ma in giappone era così…. Ha! E bellissima.. finalmente ho potuto fare anche io una scena del genere, invece che subirla sempre >.>

 … un giorno vado a fare colazione con il cappello preso al closet child e la tipa (che conosciamo) mi fa.. oh.. che bello… dove lo hai preso? .. *ghigno malefico* In Giappone! XD 



 Oppure ultimamente ho preso la salsa al curry che prima del Giappone io non avevo mai provato e che ho adorato… e ne ho provate due.. con la seconda mamma mamma… la Ma è venuta a casa mia il 25 e le ho detto… Ma.. una sniffata ...



...e sei in Giappone… e lei oddio è vero u.u eh già già


Mi sono divertita un mondo a scrivere e ricordare il mio viaggio …Grazie a chi l'ha letto .. spero vi sia piaciuto =) mi sono davvero divertita =) al prossimo post ^^ =)=)
P.s. per chi ha domande o vuole sapere qualcosa in più sul viaggio e l'associazione .. bè basta chiedere ^^
 Byeeeeeeee- XDXD



Nessun commento:

Posta un commento